Lunedì, 11 Febbraio 2013 18:31

Pranzo di carnevale dalle zie

Tà futtisti a spisa sabato con gli amici?!  Formaggi, salumi, patatine a tinnitè, cus cus, sfincioneddu, brioscione imbottite, chiacchiere e vino a gogo. M nonostante tutto sei voluta andare a pranzo dalle tue zie. E nonostante tutto dalle zie hai sbutriato come se il tuo stomaco fosse un abisso infinito, come se ti preparassi tipo cammello ad affrontare una settimana di stenti.
Hai voluto come sempre iniziare con le olive, che se non mangi le olive piene di aglio e origano sembra che ti debba venire un attacco di asma. Le prendi come antibiotico. Che poi più che uccidere i virus uccidi la tua socializzazione. Ma contenta te.
Per non parlare dei maccarruni freschi con ragù di tritato e sasizza.  Appena vedi “sugo rosso”, fai come i tori, ti fai prendere dall'agitazione e se non ne mangi due piatti inizi ad incornare il prossimo. Poi mai rifiutare le proposte delle tue zie “picciridda ne vuoi un altro po'? Che la pasta la mangi solo da noi!”
Non ti ho MAI e dico MAI sentito pronunciare un “no” come risposta. E poi “picciridda 'ntu n'uocchio”, ma se puoi essere madre di un adolescente?
E quando mi vedo tutta quella pasta e quel sugo arrivarmi di sopra e riempire tutto il mio spazio vitale penso ingenuamente: ora avrà finito, non vorrà più mangiare, magari giusto un po' di frutta che è rimasto un angolino vuoto!
E invece no! Ecco che ti strafotti due quintali di polpettone ripieno di uova, formaggio e verdure annegato nei pisellini con le cipolle. Quando lo mangi, qui dentro sembra  che sia giunto l'Armaggeddon con la pioggia di meteoriti che colpisce tutti violentemente e indistintamente. Che il polpettone poi ha una densità e consistenza simile all'antimateria e rimane nello stomaco per due giorni e per due giorni qui dentro noi  ci dobbiamo stringere e non posso giocare a tressette con il pancreas e il colon.

Ma la cosa che odio è quando mi prendi per il culo mangiandoti l'insalatina di finocchi, lattuga e arance, facendomi illudere che la tortura è terminata, e poi mi fai arrivare pioggia di cannoli e chiacchiere, che tra la ricotta e lo zucchero a velo qui dentro sono impazziti tutti: sono convinti che sia tornato il natale con la neve e hanno organizzato le olimpiadi invernali con slalom e discese libere.

Avevi perso un chilo la scorsa settimana? Non ti preoccupare, è ritornato ed è in buona compagnia!

Il Fegato di (Rox)

Letto 1061 volte Ultima modifica il Lunedì, 11 Febbraio 2013 18:49